CapeHorn

… Noi felicemente pochi. Noi questa banda di fratelli. Che mettono la faccia dove gli altri non mettono neppure un piede. – It ain't over till it's over

Che brutta storia

RosaInglese    36       FIR   11

Sì è stata una brutta storia. Una brutta partita in cui ho rivisto, come in un incubo la Scozia di Murrayfield, nel 2007.

Là in un impressionante crescendo abbiamo polverizzato, annichilito i cardi.

In un penoso calando, invece, siamo stati devastati dalle rose d’Inghilterra.

La scelta tattico-strategica di mettere in apertura Maurone si rivelata già dall’inizio un paradosso, se non un bluff.

Nel rugby non s’inventano i ruoli.

Te li devi sentire dipinti addosso, e quindici giorni di allenamento, non possono nè supplire la mancanza di dimestichezza, nè anestetizzare lo sconcerto che provi in un ruolo che non ti è congeniale. Punire poi, chi ha commesso errori grossolani, frutto più d’inesperienza, che di altro, estromettendolo dal II° tempo, psicologicamente non è stato e temo non sarà d’aiuto per il futuro della nostra compagine.

Le attese, forse troppe e troppo pressanti, sono state disattese, anche se qualche giovane come Toniolatti e McLean si sono dimostrati all’altezza del compito.

Il giovane Luke ha messo dentro due piazzati e con l’azione di forza di Mirco, carico di giusta rabbia, la nostra Italia è stata sconfitta, ma da Twickenham usciamo a testa bassa.

Una sconfitta che brucia, perchè di fronte non abbiamo avuto di certo i vicecampioni del mondo. La squadra avversaria mi è parsa raccogliticcia e con uomini abbondantemente bolliti, ma che, con quello spirito albionico, hanno sovvertito il pronostico, che li vedeva prima del calcio in grave difficoltà. Si sono comportati con noi come avremmo dovuto fare noi, con loro.

Adesso c’è l’ Irlanda; domenica prossima.

Giochiamo al Flaminio, ma dovremo vedercela con una squadra che oggi ai galletti ha rifilato 30 pappine. Non ho seguito la partita, ma credo che il trifoglio spuntasse da ogni parte e i verdi folletti avevan un conto da far pagare alla "rive gauche". Son trascorsi due anni e il piatto era debitamente freddo.

E’ ancora lungo il 6N, possiamo almeno vincere una partita giusto per non vincere

cucchiaio di legno

l’odiato da tutti, cucchiaio di legno.

Ancora grazie Mirco, guerriero mai domato nè mai domo.

Marco_provaprenderlo

Noi, quelli del’54

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

4 pensieri su “Che brutta storia

  1. thecicken in ha detto:

    sigh sigh sigh sigh sigh

  2. anneheche in ha detto:

    E va beh l’Inghilterra è l’Inghilterra…

  3. capehorn in ha detto:

    Ma 36 a 11. Con quella Inghilterra!
    No, non la digerisco

  4. Wolfghost in ha detto:

    Io concordo con anne 🙂 Le squadre forti vincono anche quando sono in cattiva serata 😉
    Ma… capisco la tua arrabbiatura 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: