CapeHorn

… Noi felicemente pochi. Noi questa banda di fratelli. Che mettono la faccia dove gli altri non mettono neppure un piede. – It ain't over till it's over

Appunti, fogli sparsi, post-it

Cari ospiti, colgo l’occasione di informarvi che, il perdurare dei miei innumerevoli impegni, fa si che non possa essere per tutti voi, presente e attento alla vostra produzione. Riconosco che ho previlegiato alcuni a discapito di altri. Ad altri ho riservato fugaci visite e ancor apiù brevi parole. Non é questo il senso della compagnia e sì che voi me ne fate moltissima, ma ora ho in testa un progettino e devo dar seguito ai pensieri che urgono e che sono tesi al progettino in questione.
Non vi ho dimenticato, non ho ceduto alla noia o alla disaffezione per l’uno piuttosto che per l’altro. Devo anche fare altro e a volte é difficile seguire tutto e tutti. Rischio, come son sicuro di aver fatto, di entrare a sproposito con qualche commento fuori luogo e fuori tempo. E’ sempre un gran dispiacere, soprattutto quando a posteriori ti accorgi di essere stato inopportuno. Quando é così meglio tacere, ma questo non vuol dirsi ineducato verso chi ci ha attratti con una piacevole conversazione.
E’ per questo che vi lascerò una ricettina veloce veloce, con la quale potrete fare o farvi compagnia nei momenti buoni e in quelli in cui neppure la cioccolata sortisce i suoi benefici effetti.
Procuratevi 3 grosse melanzane . Mi si dirà, ma non è più tempo. E la globalizzazione dove la mettiamo? Quindi procuratevele!
Poi una bella bottiglia di passata di pomodoro, olioextravergine di oliva, erbe aromatiche (Salvia, rosmarino, timo,alloro e pepe) mozzarella, qualunque tipo va benissimo, grana e pecorino grattuggiato, pangrattato, una padella di ferro (anche la bistecchiera va benissimo) una pirofila, un forno a 150°, ah naturalmente il sale.
Tagliate a fette sottili le melanzane, cospargetele di sale, perchè facciano acqua di vegetazione. Dovrete aspettare almeno 2 ore o più. Io lo preparo il pomeriggio prima per il pranzo del giorno dopo.
Scaldate la vostra piastra, che sia ben calda. Mentre quella si arroventa, in una zuppierina verserete la passata, circa 2/3 della bottiglia, tre cucchiai d’olio e se usate le erbe già pronte una buona presa di quelle che vi ho elencate. Mescolate e lasciate che le erbe aromatizzino il composto. Grattuggiate grana e pecorino, tagliuzzate la, o meglio, le mozzarelle a dadini.
Sulla piastra ormai rovente fate grigliare le melanzane dopo aver gettato l’acqua, é logico. Disponete a strati nella pirofila procedendo così: melanzane, passata, mozzarella mistro grana e pecorino, sino a che non avrete finito le melanzane. L’ultimo strato sarà ancora passata, mozzarella,grana e pecorino e abbondante pangrattato per la crosta finale. Nel forno per 30/35 mn.
Buon appetito.

Sto leggendo un buon libro "Le indagini del Commissario Bordelli" di Marco Vichi, edito da Guanda. Una piacevolissima scoperta. Un bel giallo scritto bene. Un commissario completamente diverso dai soliti Montalbano, Soneri,Lupo, Beck, Wallander o Charitos, giusto per citare i più famosi. Solitario ma non troppo, mangione, ma neanche, incasinato con le donne il giusto. Degli anni ’60, il boom e la congiuntura. I fantasmi di un passato sempre presenti, che si sono trascinati anche ai giorni nostri. Forse in bilico tra essere lo Stato ed essere se stesso. Credo che acquisterò anche gli altri della serie.

Un’ aforisma, non guasta mai:
Non sono le idee che mi spaventano, ma le facce che le rappresentano.

Noi, quelli del ’54 – a Nord Ovest, con qualche difficoltà

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

31 pensieri su “Appunti, fogli sparsi, post-it

  1. bello l’aforsima ma dissento.Anche certe idee possono far accapponare la pelle,ti assicuro…
    ciao:-)

  2. utente anonimo in ha detto:

    Buongiorno carissimo,
    la tua ricetta assomiglia alle melanzane alla parmigiana, ma senza il prosciutto (che tanto non posso mangiare perchè sono allergica al maiale)
    attendiamo notizie del tuo nuovo progetto, sempre che sia condivisibile con noi altri
    un abbraccio

    thecicken (sloggata …)

  3. Ammappate!!!!
    E per quanto tempo reputi di lasciarci tristi e orfanelli del Capo?
    A giudicare da quel che ci hai lasciato (pensieri, ricetta, consiglio letterario, aforisma…), temo un bel po’…
    Fai pure quel che devi fare, porti a termine il suo progetto, novello ingegnere oltrepadano, ma non scordarti mai di noi!
    Prometti!
    Baci e abbracci (non sponsorizzzati).

  4. I tuoi commenti sono sempre splendidi.

  5. Sono molto curiosa circa i tuoi progetti, aspettiamo pazienti notizie, intanto buon lavoro… un abbraccio Capeh, H.

    Thecicken: le melanzane alla parmigiana con il prosciutto! Questa mi mancava… 

  6. @ PER TUTTI = Non vi lascio, questo é certo; solo che le mie puntate potrebbero rivelarsi silenti.
    Vi osservo, Vi leggo, Vi penso e intanto lavoro e  quando posso scrivo.
    Per ora scrivo per Voi, ma non é detto.
    Anche adesso rispondere é diventato improvvisamente pesante.
    Mi rendo conto che essere sempre all’altezza non é facile e non volendo scontentare nessuno, corro il rischio di scontentare molti.
    E’ un momento così, sospeso tra la terra e il cielo. In un luogo indefinito ed indefinibile.
    O forse é un’acciacco in più e ne dovrò prima o poi darmene conto.

    Le melanzane sono alla parmigiana, ma come avrete notato non sono fritte. Cosa, il fritto, che io digerisco poco e male e visto che hanno riscosso successo di critica e di pubblico (casa mia), vi ho voluto regalare questa mia interpretazione

    Le ultime righe sono state un’anticipazione sul prossimo anno.
    Vi consiglio vigilanza.
    Le stelle non stanno a guardare.
    Almeno, non tutte. 

  7. impareremo a convivere insieme in questi spazi
    anche fossero silenti…

    io sento sempre il tuo affetto e la tua presenza

  8. io le melanzane alla parmigiana le faccio così da un pezzo 🙂

    Io direi che il blog va preso con calma e non deve distrarre dai progetti importanti

    Non puoi sentirti in dovere…

    A presto CapeHorn

  9.  Buon lavoro allora :))

  10. cape, meglio il silenzio, che aprire la bocca tanto per dargli aria (ma nel senso buono però, nel tuo caso!)

  11. @ ANCORA per TUTTI = vi ringrazio della comprensione e della compassione.
    Le cose cambiano e lo debbono essere, perché poi possano di nuovo funzionare.
    Diciamo che la casa rimane aperta, ma ci sono lavori in corso.
    Con tanta polvere in giro é meglio tenere la bocca chiusa. 

  12. Il momento impegnativo e impegnato capita a tutti, l’aforisma è interessante, anche se non sono completamente d’accordo; potrei fare un pensierino per il libro ma ho arretrati di mesi…
    E infine, il fiore all’occhiello: la ricetta è formidabile… me la preparerei anche ora (sono quasi le 23), se avessi le melanzane…

  13. Effettivamente a me capita assai spesso, di accorgermi a posteriori di essere stato inopportuno: come in questo caso. Per dire. La ricetta manco la provo, tanto so già come va a finire.

  14. mi avanzava una melanzana

  15. @ Nico24 = allora buon appetito, per la prossima volta.
    Chissà se al "ramarro" faranno piacere?

    @ benzinagricola = l’importante é accorgersene, per non ripetere lo stesso errore. In questo caso invece, la tua presenza mi allieta e conforta. Mi raccomando , fallo ancora !! 
    Per la ricetta cerca un’anima pia che ti venga in soccorso. 

  16. sembra appetitosa! e adesso chi lo dice alla mia acquolina che le melanzane sono "verboten"? (ma uno strappo sepoffà… 🙂

  17.  Stavo per dire anch’io che era praticamente la ricetta della parmigiana, ma c’è qualcosa che mi preme dire (in riferimento al #6): indipendentemente dagli impegni, che sono sacri e che rispetto, mi spiace che tu ritenga di dover essere sempre all’altezza… e te ne faccia un cruccio se non ci riesci (tra l’altro essere all’altezza o meno è qualcosa di estremamente soggettivo.. lo sai). Personalmente, credo che la gente che è qui ti apprezzi per come traspari… con i tuoi pregi ed i tuoi difetti. E se ti è sinceramente amica, si dispiacerà più per questo tuo star giù di morale (che mi pare traspaia, ma posso sbagliarmi) che per eventuali tuoi commenti poco riusciti. L’esortazione che ti faccio è quella di non preoccuparti di essere necessariamente al meglio… questo non è un esame. E’ solo un luogo d’incontro con gente che ti apprezza e ti apprezzerà comunque.
    Mi pare che sia proprio questo tuo personale sentire che ti faccia diventare pesante il rispondere qui.
    Se vuoi sfogarti, io ci sono. 

  18. Cape…. Brum ha ragione…. sfogati… lui c’è! Io inizierei col prenderlo a calci nel sedere!!!

  19. @ cyrano56 = non solo sé pò, secondo me se deve fà!!!

  20. @ Brumbru = da primo acchito non posso che darti ragione. Sarà che stanno sopraggiungendo giorni, che io considere "di marca".
    Non sono possibili spot. Sono giorni che in qualche modo ti rendono inquieto e non trovi in te buoni motivi per essere in qualunque posto, con qualunque gente.
    Ti senti ingombrante, inadatto, imbarazzante e imbarazzato (non solo gastricamente ).
    Insomma sei nel posto sbagliato al momento sbagliato.
    Molti motivi mi hanno portato a questo punto.
    Elencarli non mi sembra luogo e tempo.
    Saranno segni d’età, paturnie della senescenza, che precorrono i tempi.
    Chissà?
    In ogni modo a giorni inizierò a postare la nuova fatica a cui sto lavorando.
    E’ un dente che mi voglio togliere e forse, tolto il dente, tolto il dolore e tutto ritornerà come prima o meglio di prima.
    Se sarà peggio, non mi rimane che FB.    
     

  21. @ archmdl =
    Brava, che lui mi sgasa e io do calci all’aria.

    Falabrac sì, ma … 

  22.  Sono certo che nessuno ti reputi ingombrante (se non la tua poltrona), inadatto (se non la Moric ma alla fine chi se ne frega), imbarazzante (se non un fotografo di calendari ignudi) ed imbarazzato (se non il tuo water). Personalmente, voglio il vecchio Horn. I post sono relativi.. e secondari. Non vengo qui per quelli, vengo per fare 4 chiacchiere con te e parlare in amicizia.

    P.s.: La mia disponibilità non arrivava a tanto, ehhhhhhh? Il sedere no… Se cerchi di darmi un calcio mi scanso e ti sputo…

  23. @ Brumbru = quasi, quasi mi stai convincendo.
    Sono indeciso se organizzare un "Fangù Party" oppure andarmene a caffé verso le 5, 51/2 e fare una partita a chiacchiere con chi c’é.
    Porterò il "Loricato", che lo trovo "ssiupato" e svogliato come me.
    Quindi , okkio con gli sputi e gli sgasamenti.

  24. hai visto che nel mio precedente commento "melanzana" è un link?
    mah….

  25. @ thecicken = non me ne ero accorto.!!!!!

    Che uomo triste sono diventato

    Ho rimediato tardivamente, ma neppure la fragranza sprigionata da quella meraviglia può lenire l’incupimento che si é abbattuto su di me.
    A questo punto voglio essere travolto dal timpano del Mausoleo di Alicarnasso, onde espiare!     

  26. Cape non affliggerti.
    era ben nascosto
    alla prossima

  27. @ thecicken =

  28.  Invece del loricato non sarebbe meglio portare un barricato? Magari in botti di rovere di Slavonia… che so…

  29. @ Brumbru = forse é meglio un fermo da meditazione. Corposo di tannini, con luce profonda con sentori di viole, cuoio e tabacco, da bersi nel silenzio contemplativo del meglio che la natura tutta può offrire.
    Va bene uguale?

  30.  Si. Purchè si colgano fragranze anche di liquirizia e di bacche rosse. Mi piacciono tanto.

  31. @ Brumbru = non c’é problema.
    Apriamo un’altra bottiglia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: