CapeHorn

… Noi felicemente pochi. Noi questa banda di fratelli. Che mettono la faccia dove gli altri non mettono neppure un piede. – It ain't over till it's over

SENTIERI INCROCIATI – 42° capitolo

La sera della domenica, seduto sul divano della veranda di casa sua, Gilles ripensava alla notte precedente, passata nella tenda sudatoria. Se da una parte, tutta quella gran sudata gli aveva fatto bene al corpo, nell’anima sentiva ancora confusione, ma non tumulto.
Gli spiriti non lo avevano visitato, per dargli delle risposte, non aveva avuto la visione sperata, anzi a un certo punto aveva corso il rischio di addormentarsi di colpo. Forse era quella la visione. Addormentare i sentimenti, lasciare che dormissero fino a che non si sentissero pronti per un giusto risveglio. Forse dovevano addormentarsi per sempre, perché quelli non erano i tempi per l’amore e quella non era la donna da amare.
Si rese conto che gli arzigogoli della mente portavano lontano, nei meandri fuorvianti del non senso. Eppure sentiva che c’era un senso in tutto quello che aveva vissuto fino allora, compresa Maeve. Anzi il senso aveva preso corpo da quella sera di Quantico. La visione di lei, vestita solo di slip, se ogni tanto lo veniva a visitare, ultimamente era presente con una certa frequenza, anche nei momenti più inaspettati. Forse gli spiriti gli stavano indicando l’inevitabilità della sua storia. Che se voleva concretizzarla doveva armarsi di tutte le sue forze e superare ogni difficoltà e se bisognava pagare un prezzo, quello sarebbe stato secondario.
Entrò in casa e fissò il telefono, poi guardò l’impianto stereofonico e la sua vasta discoteca. Fece scorrere i vecchi vinili, per poi passare ai Cd, infine scelse.
L’imponenza della Filarmonica di Berlino entrò prepotente in casa e sotto la direzione di Karajan le potenti note della Quinta di Beethoven si sparsero in tutto l’ambiente. Ludwig era l’uomo giusto per iniziare a rimescolarsi l’animo.
Maeve, rimise a punto per l’ennesima volta le carte del caso Preston. Oramai le  sapeva quasi a memoria. Rilesse, questa volta con molta svogliatezza le ultime pagine della lunga confessione rilasciata da quell’uomo. Si sentì stanca e il suo desiderio di rivedere Gilles oramai non l’abbandonava più. Più scacciava il pensiero e più ritornava alla carica e ogni volta più forte e presente. A volte s’immaginava di sentirne l’odore di quell’uomo. L’aroma e le fragranze dei fiori e delle piante che salivano dal bosco prospiciente la casa. L’atmosfera che sapeva di calma di Fort Ticonderoga, il verde azzurro del suo lago, i colori delle strade e l’atmosfera dei locali che aveva visitato. Non era certo la vita convulsa della capitale, anzi era tutto l’opposto. Aspettava solo che tutto quello che stava vivendo ora, terminasse, così avrebbe preso il primo volo per il nord e al diavolo tutto. Era disposta anche a sacrificare la carriera, pur di non perdere quel treno, perché sentiva nell’intimo che quello era il suo treno.
Ronzò l’interfono, era Blyton e forse c’erano le novità tanto sospirate.
Tolan stava scorrendo l’ennesimo rapporto da Beirut. La situazione si faceva sempre più incandescente di là dalla frontiera siriana. I morti aumentavano ogni giorno di più e la situazione era sempre ingarbugliata a livello politico e militare. Neppure i suoi contatti più che amichevoli di là dall’ex cortina di ferro, non davano risposte. La rigidità del Cremlino per alcuni era incomprensibile, ma fonti bene informate sostenevano che l’ala dura dello schieramento politico, almeno in quel caso era forte e in posizione predominante. Gli interessi militari erano troppi e troppo forti e data la precaria situazione dell’area media orientale, forse il petrolio russo nel lungo periodo, avrebbe fatto comodo e gola a molti.
Tolan si tolse gli occhiali e iniziò a picchiettare i fogli con una stanghetta, poi preso il telefono compose un numero.
         “Sono Tolan. Novità dal signor Maltes?”.
L’Ufficiale di guardia rispose un no molto laconico e assicurò il direttore della C.I.A. che lo avrebbe informato immediatamente se qualcosa fosse arrivato.
Tolan ebbe un moto di stizza, nell’appendere l’apparecchio. Poi rialzò subito la cornetta e parlò alla segretaria.
         “Nelly … per favore chiami Reed della N.S.A.”.
In breve tempo fu messo in comunicazione con il capo della Sicurezza nazionale.
         “Allora Jeff .. che novità per me?”.
Reed tossicchiò nella cornetta.
         “Bob, nessuna nuova riguardo al nostro problema, però c’è da notare un certo movimento intorno a Juarez, Nueva Laredo, Matamors e naturalmente Tijuana. Nulla invece da Pedras Negras. Il territorio di Gutierrez è fin troppo tranquillo e abbiamo il fondato sospetto che lo sarà ancora per poco. Dalle informazioni ottenute, si prepara un convoglio nelle prossime ore Destinazione Texas.”.
         “ I tuoi sospetti sono più che fondati. Stiamo aspettando la telefonata dal nostro uomo. Telefonata che non arriva, maledizione e non vorrei che fosse andato tutto in malora. Quest’attesa mi sta uccidendo e la mia gastrite ogni ora che passa rischia di trasformarsi in ulcera. Ho sentito poco fa Blyton. Quel Preston canta come un uccellino a primavera e credo che nei prossimi giorni le varie agenzie si scateneranno e i tribunali avranno di che lavorare per mesi. Prevedo promozioni a pioggia.”. Quest’ultima lo disse ridendo.
         “Bhè … sì. Credo che ci sarà gloria per tutti e il Presidente farà una bellissima figura. Il gradimento per quest’Amministrazione salirà alle stelle. Speriamo di ricavarne u utile anche noi. Ho un buco di diversi milioni e vorrei approfittarne per colmarlo.”.
         “Questa volta non credo che si offenderà nessuno se andiamo a reclamare qualche spicciolo per le nostre Agenzie.”. Concluse Tolan.
         “No di certo. Comunque ti terrò informato sugli sviluppi futuri e naturalmente conto su di te.”.
         “Certamente … certamente. Non mancherò di farti sapere tutto.”.
Annunci

Navigazione ad articolo singolo

30 pensieri su “SENTIERI INCROCIATI – 42° capitolo

  1. Il morbo dell’amore sta infettando Gillles e Maeve. Entrambi sbavano come sedicenni.
    Poi l’aplomb, o quasi, di FBI, CIA e NSA che si fregano le mani e sembrano tanti Paperon de’ Pareoni quando conta i suoi soldi. Il simbolo del dollaro al posto degli occhi.
    Buono, buono, anche se non produce effetti. É il classico capitolo di assestamento in attesa dell’esplosione del vulcano.

  2. E’ vero, è vero, è proprio amore quella cosa tra Gilles e Maeve. Vedi Cape, la differenza tra lei e “Bunny”? A lei non importa della carriera, è disposta a buttarsela alle spalle per amore….
    Bene, mentre sorseggio il vino, ascolto la 5a di Beethoven e aspetto…..

    • @ S 11 = Due mondi, due visioni della vita.
      Da una parte c’é chi, per arrivare a sedersi su di un aereo ha lottato contro tutti e non si sente disponibile a gettare via tutto e per quella che si é rivelata, in fondo una passione.
      C’é invece chi prosegue sulla strada di servitore del paese, supportata dal contesto. E’ vero che il cambiamento é forte, ma é ci sono più “ammortizzatori” culturali.
      Insomma per Maeve sarebbe una scelta molto più semplice che non per Bunny

      Ludwig é quello giusto per dar la carica per ciò che avverrà tra poco.

      • Hai perfettamente ragione. Io però mi sento più vicina a Maeve.

        P.S. E se l’ aereo cade?

        • @ S 11 = L’avevo intuito, che tu fossi più incline a seguire le vicende della rossa bostoniana, piuttosto che le peripezie aeree della nipote del sol levante.
          Ma no, dai che non cade … e che diamine.
          Va bene che vuoi provare il corso di gufologia, che hai seguito, se funziona, ma proprio contro Bunny … Ma dai … Povera, che c’ha già tanti casini
          😛

          • Non ho detto che mi sta antipatica. Solo non condivido la sua scelta. E poi mi fido poco degli aerei.
            😛

          • @ S 11 = Eppure l’aereo ha un fascino. Per dire una cosa ovvia era una delle mie aspirazioni essere pilota.
            Poi la natura ha pensato bene di farmi adire a più miti consigli.
            Se fossi pilota potrei giusto pilotare un cargo, non certo un altro tipo d’aereo. Lungo e grosso come sono 😛

          • Sono affascinata dagli aerei ma allo stesso tempo mi mettono paura. Ricordi il Concorde? Era la mia passione.

          • @ S 11 = Certo che lo ricordo. Economicamente però non é stato poi un grandissimo businnes.
            Adesso non sarebbe assolutamente economico

          • Sono d’ accordo. Però mi piaceva la linea elegante. Sembrava una manta. Ecco, ho fatto il collegamento cielo-mare…

          • @ S 11 = Concordo (ahahahaha) Con quelle ali a delta era una vera bellezza.

          • Se proprio fossi stata incline alla carriera militare avrei scelto la Marina,

          • @ S 11 = Il fascino della divisa bianca. I grandi spazi, il sole, l’acqua … Luna Rossa … Moby Dick …
            Ebèh … dici cotiche
            🙂

          • … Coi fagioli?
            😀

          • @ S 11 = golosona !!!! 😛

          • Beh insomma… Ci vuole un vino importante, che cosa proponi?

          • @ S 11 = Più che importante, un vino, che io chiamo di “sguincio”.
            Quei vini che non hanno i nomi altisonanti, che tutti conosciamo, ma che hanno quel “quid” giusto e al momento giusto.
            Ti proporrei un “Carema” colore:
            rosso rubino volgente al granato.
            odore: fine e caratteristico che ricorda la rosa macerata
            sapore: morbido, vellutato, di corpo
            Figlio del vitigno del nebbiolo.
            Da provare

          • Maestro, già il rosso rubino tendente al granato mi suona bene. Se poi aggiunge la rosa macerata, come resistere? Concordo, ci sono ottimi vini perlopiù sconosciuti alle masse e che invece non hanno nulla da invidiare a quelli più reclamizzati.

          • @ S 11 = Che per questo chiamo vini di “sguincio”. Legati forse fin troppo ad un territorio preciso, ma hanno il pregio che se non vengono da quel terreno, sono irrimediabili ciofeche.
            Vitigni non proprio della memoria collettiva della gente, ma che hanno una grande dignità enologica.

          • E poi è figlio del nebbiolo…

          • S 11= Come lo sono tanti

  3. Anche a me piace la scelta che è disposta a fare Maeve. D’altro canto… non concordo sul fatto che sia una questione di modi di essere o di due visioni della vita. Secondo me chi non se la sente di fare così non è veramente innamorato.

  4. @ Brum = Forse mai come in amore , sono implicate scelte e responsabilità e non sempre e non tutte si possono affrontare con il sorriso sulle labbra o a cuor leggero … Ma si affrontano. Perché? Per amore.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: