CapeHorn

… Noi felicemente pochi. Noi questa banda di fratelli. Che mettono la faccia dove gli altri non mettono neppure un piede. – It ain't over till it's over

La finestra del tempo.19

Nella piana sottostante il Rifugio si estendeva il complesso della fiera. Accanto a baracche e piccole baite in legno e pietra, c’erano grandi tende e improvvisati recinti, pieni di bestie di varie dimensioni. Per lo più animali da pascolo, ma alcuni allevatori erano riusciti ad addomesticare cervi e caprioli e mostravano con fierezza il risultato. Sembrava che i Clan e le Tribù che abitavano lungo la catena montagnosa si fossero dati appuntamento. Non solo loro, anche altri che provenivano da lontano. Costumi Scoti, si mescolavano a quelli dei vicini Mistrali e poi gente del Nord accanto a Slavi in un guazzabuglio di dialetti e lingue proprie. L’aria era pesante per gli odori delle varie cucine popolari, che proponevano le loro specialità, ma l’odore che più era predominante era quello della carne arrosto. Su grandi fuochi e tappeti di brace sfrigolavano quasi tutti i tagli disponibili di buoi, capre, pecore e capi di selvaggina. Dai pentoloni di spandeva l’aroma delle zuppe di verdura e avvicinandosi alle mescite improvvisate l’afrore forte di vino e birra entrava di prepotenza nelle narici. Il tutto con il contorno di giocolieri, imbonitori e sfaccendati. Guardie armate giravano costantemente per prevenire ogni possibile guaio.
Duncan entrò subito nel vivo del problema.
         < Così saresti Logan? Ho ricevuto il rapporto da parte di Van der Meewe. Certo che mi sarei aspettato non un agente al suo primo caso e non riesco a capire come mai abbiano mandato te. A proposito … non avresti dovuto arrivare oggi, ma tra qualche giorno. Cosa è successo?>.
Logan, pur guardandosi intorno, non perse neppure una parola del discorso, non certo di benvenuto.
         < Anch’io me lo sono chiesto il perché? Perché io e non un altro e soprattutto  quando sul campo c’era già un agente  con più esperienza. Credo che tu sappia già tutti i retroscena e da aggiungere non ho altro che non ho trovato nessuna nuova informazione. Le cose stanno al punto di partenza. In quanto alla mia presenza anticipata … Ieri sera sono stato avvicinato da un uomo dalla testa aguzza, magrissimo che mi ha dato un biglietto dicendomi di venire subito qui e di contattarti. Di più non so. Spero che tu abbia cercato e trovato informazioni migliori >.
         < No, Informazioni fresche non ne ho. Quindi sei stato avvicinato da un uomo dalla testa aguzza?! – Poi, come se parlasse tra se – Darius era al Covo … Quindi anche il Giudice era là – Si rivolse a Logan girando la testa di scatto – Con te non c’era nessun’altro? Non sei stato avvicinato da nessuno oltre a quell’uomo? Non ti sei accorto di essere stato seguito o comunque nessuno ha tentato di contattarti? >,
Logan scosse il capo in segno di diniego.
         < No nessuno e … Sinceramente gli ultimi giorni li ho passati sotto una pioggia fastidiosa. Soprattutto l’ultimo … Anche se ho avuto l’impressione di essere seguito. Forse stata solo immaginazione dovuta alla stanchezza e alla pioggia battente. Chissà >.
< Non credo. Dovevi essere seguito. Uno, anzi una dei nostri doveva essere sulle tue tracce. Aveva il compito di sorvegliarti da lontano, ma a quanto pare non era lei che ti seguiva. Quindi hai conosciuto Darius, anche se non sapevi chi fosse. Se si è presentato lui a darti il messaggio allora le cose sono più gravi di quello che sembrano. Dunque, mio giovane amico è meglio tenere occhi e orecchie spalancate. >.
Logan, incurante della folla, a quelle parole si era estraniato e lasciò vagare la mente. Ritornarono i pensieri che lo avevano accompagnato e a quelle domande se ne aggiunsero altre, cui non riuscì neppure ad abbozzare ipotesi di risposte. Sentiva montare l’inquietudine però e quel suo pittoresco compagno non l’aveva per niente smorzata Anzi le sue parole la rafforzavano.
Si fermò di scatto.
         < Perché ero seguito da un altro agente? Perché non abbiamo fatto il viaggio insieme? Cos’era .. una spia che doveva controllarmi? La fiducia in me è zero? >. Parole dette con tono piccato.
Duncan scosse il capo.
         < No. Non era quello il compito. Doveva viaggiare dietro di te per assicurarsi che tu non fossi seguito da una terza persona. Senti .. a quanto pare c’è una falla nel sistema. Questa missione sembrerebbe già compromessa. Non dico che tu ed io siamo bruciati ma … C’è una seria probabilità che se ne dovessimo mai venire a capo, ci dovremo difendere e subito per venirne fuori. Credo che tu lo sappia già. L’interesse è alto, altissimo e forse … Sotto c’è ancora dell’altro. Non so bene cosa, ma è da un po’ di tempo che ho questa sensazione >.
         < Un mistero nel mistero, intendi? >.
Duncan annuì.
         < Pressappoco così. Non è chiaro l’interesse che i grandi capi hanno per quei dati. Lo so … Sono dati che contengono un pericolo, ma … dalle notizie in mie possesso sulla vecchia Terra, di posti come Bunker Hill, non ce ne sono più. L’ultimo è stato completamente distrutto anni fa, dall’altra parte del grande Oceano e un altro è stato divorato alla grande foresta dell’Est. Andare la e rimettere in piedi tutta la faccenda non è cosa. Troppo dispendio di mezzi e soprattutto di uomini. Poi … Si dovrebbe fare … No, non mi pare il caso di sprecare ulteriori parole. Oggi quei dati non servono più a nessuno. Però … Però interessano e forse interessa sapere come sono stati trasmessi e a chi sono stati trasmessi >.
Intanto erano giunti al limitare della fiera. Intorno a loro solo recinti di bestie, tranquille al pascolo e pochi guardiani, intenti al loro lavoro.
Logan si fermò ad ammirare il paesaggio o così parve.
         < Quindi l’interesse non è tanto scoprire se i dati ci sono ancora. Piuttosto come sono stati trasmessi e a chi e forse … Se il sistema di trasmissione è ancora valido e funzionante. Se c’è tuttora chi lo usa e per conto di chi e che cosa trasmette di così interessante >.
Duncan sogghignò.
         < Sei preparato e sveglio, ragazzo. Non sei proprio un pivello, come ho creduto al principio. Ci sei arrivato anche tu. Già … Esiste questo sistema di trasmissione? Com’è fatto e chi lo gestisce e per conto di chi lo fa? Credo che questa sia la nostra vera missione e sicuramente ci sarà qualcuno che ce la vorrà impedire e forse ci sta già osservando >.
         < Già … Torniamo indietro e per il momento … Godiamoci la festa>.
Tornarono, ciascuno immerso nei propri pensieri e furono attratti dal suono lamentoso di un gruppo di cornamuse. Davanti al un nutrito numero di musicisti, accompagnati da tamburi e corni c’erano altrettanti numerosi ballerini che stavano dando vita ad uno spettacolo di danze tipiche. La coreografia durò quasi un’ora poi quasi tutti gli astanti presero parte alle danze. Il sole del pomeriggio invitava tutti ad accomodarsi ai tavoli, che intanto erano stati preparati per i banchetti delle varie etnie. Cibo e bevande presero a circolare abbastanza in fretta e Logan si ritrovò con Duncan seduto al tavolo di un gruppo di Scoti, Bretoni e Irlandesi, con in mano un boccale di birra e un piatto di carne arrostita con cavoli e patate. Tra risate, suoni e canzoni.
Annunci

Navigazione ad articolo singolo

20 pensieri su “La finestra del tempo.19

  1. Siamo in un festa di paese… Sarà ma quel Duncan non mi convince ma Logan è giovane volpone. Si pone domande e sta all’erta.

  2. Molto bella questa festa ….viene voglia di andarci!
    Logan una birra se la fa…la serata è lunga,un po’ di svago ci vuole….

  3. Anch’io voglio partecipare alla festa!
    A parte questo, gli ultimi capitoli sono più che notevoli, per capacità di espressione, descrizione dei personaggi, attraverso i loro atti, e fluidità di scrittura.
    Ufficio Reffusi: Non solo loro, anche ltri che provenivano da lontano.

    • @ AB = Ecco chi mancava e se ne sentiva l’assenza … 🙂

      Credo che descrivere il contesto sia una possibilità in più per mettere a proprio agio il lettore.

      UFFREF: provvedo all’istante.

  4. Sono rinfrancato. Nel futuro la vita non è poi così diversa dalla nostra. E soprattutto… la birra ed il vino ci sono sempre. 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: