CapeHorn

… Noi felicemente pochi. Noi questa banda di fratelli. Che mettono la faccia dove gli altri non mettono neppure un piede. – It ain't over till it's over

La finestra del tempo.32

A scuoterla da quei pensieri ci fu netto un vociare e un rumoroso scalpiccio. Un rumori di rami spezzati e di pietre smosse, poi voci, molte, che si rincorrevano.
Si guardò attorno e si gettò a capo fitto nella macchia del sottobosco. Trovò un leggero avvallamento e ci si sdraiò dentro, tentando di penetrare la terra e di confondersi con essa. Sperava che la tuta mimetica che indossava facesse il suo lavoro e bene. Le voci intanto si avvicinavano e lei aguzzò l’udito. Non sembravano persone in cerca di qualcosa o qualcuno. Piuttosto gente in marcia. Si concentrò sulle voci. Erano Mistrali. Forse una pattuglia in perlustrazione. Trattenne il respiro quando si rese conto che si erano fermati a poche decine di metri dal suo nascondiglio. Si concentrò ancora di più. Parlavano di cercare un buon posto per organizzare il campo per la notte e c’era divergenza di opinione. Un gruppo voleva raggiungere una baita poco distante, un altro invece voleva raggiungere un torrentello poco distante da li. C’era una radura e la possibilità di avere anche una grande pozza d’acqua. Un bagno avrebbe fatto comodo a tutti quanti. Kayla pensò subito al torrente. Era a circa un chilometro da lì nella stesa direzione da cui era venuta. Aveva percorso gli ultimi chilometri sulla pista. Attenta a camminare sui tratti più duri del percorso, dov’era poco probabile lasciare impronte. Solo da qualche minuto aveva seguito una labile traccia che portava nel sottobosco. Respirò sempre più lentamente. Poi le voci sembrarono diventar un alterco, ma si udì un’altra voce, molto più autorevole delle prime, forse il comandante che si era attardato o altro. Immediatamente il resto del coro azzittì. La voce autorevole diede una serie di ordini e poco dopo Kayla udì i passi del gruppo allontanarsi nella direzione che aveva preso lei in precedenza. Se ne andavano dalla parte opposta alla sua. Rimase sdraiata ancora per alcuni minuti, poi lentamente si alzò e diede un’occhiata all’intorno. Non c’era nessuno e ascoltando i richiami degli uccelli, si rese conto di essere rimasta sola. Con passo lento e circospetto prima e svelto poco dopo, si allontanò dal suo nascondiglio. Ogni tanto di voltava indietro per accertarsi di non essere seguita, poi puntò dritta e decisa verso la pista, per abbandonarla, fatti poche centinaia di metri, sulla sua destra imbucando uno stretto sentiero che si perdeva tra gli abeti. Peste di animali selvatici stavano ad indicare un percorso sicuro e utilizzato da parecchio tempo. Le voci alle sue spalle, intanto, non si udivano più.

<<<<< >>>>>

Rungald, l’uomo con gli artigli d’aquila tatuati sulle braccia e la sua compagna dal sorriso disfatto, erano seduti in una bettola di Houstain. L’uomo stava parlottando con un certo Wilmer, un tempo appartenente al Clan dai Valsi; ora dopo la sua cacciata, disponibile a tutte le bandiere. L’importante che pagassero.
Rungald stava dicendo.
         < Ho perso i contatti con Kayla. Adesso non so dove sia. Probabilmente è nella foresta e sicuramente inseguita da Logan e Duncan.  Quella ragazza mi farà impazzire. Le avevo detto di far cantare il vecchio. Solo quello e non anche di farlo fuori. Lei no … Lo va ad ammazzare. Adesso oltre a quei due sicuramente avrà alle calcagna anche gli uomini del Siniscalco. Maledizione >.
Wilmer sorseggiò la sua birra.
         < Non credo che il Siniscalco si dia troppa pena per inseguirla.  E’ già tanto che sappia com’è morto il vecchio Ciano. Lascia perdere quel mambruco.  Non ci darà troppa noia. Piuttosto di quei due bisogna preoccuparsi Sei sicuro che si siano già mossi all’inseguimento della ragazza? >.
Il Pittore dei Corpi arricciò il naso.
         < Forse da questa mattina e se così è Kayla ha una giornata di vantaggio. Potrà sembrare molto, ma se imbucano la pista giusta quei due … >.
Wilmer si grattò una guancia a la barba ispida che incorniciava il suo volto.
         < Al Rifugio e nella zona, non ho nessuno di cui possa fidarmi. Qui invece ho gli uomini giusti. Non fanno storie e non chiedono nulla se non buon denaro. Ne hai? >.
Rungald estrasse una borsa da una delle tasche del giaccone e la mise sul tavolo.  Sembrò che non avesse avuto il tempo di toccare la superficie, che la mano di Wilmer l’aveva già riposta in una delle sue tasche.
         < Spero che basti, altrimenti .. Ritornerò a prendere il resto >.
Ingurgitò il resto del boccale e se ne andò.
L’altro uomo rimase a fissare il suo di boccale e di quando in quando alzava lo sguardo per dare un’occhiata alla vecchia che dormiva placida dall’altra parte del tavolo, con la testa appoggiata alla parete.
Quest’occupazione lo aveva preso così tanto che non si accorse che l’uomo che dormiva al tavolo vicino al suo, si era alzato pochissimo dopo che Wilmer se ne era andato.
Era Tomo, uno dei Lupi di Due Facce, che fingendo di dormire aveva sentito tutto e ora correva dal capo a riferire.
Wilmer e i suoi soci, non sarebbero stati soli e in ogni caso difficilmente sarebbero riusciti a riscuotere altre provvigioni. Due Facce non era il tipo da lasciare in giro testimoni e aveva un grosso debito di riconoscenza con Duncan.
Annunci

Navigazione ad articolo singolo

30 pensieri su “La finestra del tempo.32

  1. L’intrigo è servito. Chi di spada ferisce, di spada perisce. Mosse e contromosse, Ognuno muove le proprie pedine sperando di dare scacco matto all’avversario.

  2. Questo bosco misterioso….sempre più fitto il mistero ….
    Ciao e buona serata!

  3. Gli inseguitori diventano inseguiti da persone inseguite a loro volta. Si formerà un trenino, in quella foresta… 🙂

  4. Bello lo stacco fra la ragazza e Rungald. Capitolo perfetto, scritto in maniera ineccepibile.
    E la curiosità aumenta…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: